Skip to main content
Pandina bianca e nera - nuova Panda 2024

Il ritorno della mitica Fiat Pandina

Il ritorno della mitica Fiat Pandina. La Fiat Pandina rappresenta un pezzo di storia dell’automobilismo italiano. Amata da intere generazioni, questa citycar è entrata nel cuore di milioni di italiani grazie al suo design iconico e alla sua praticità. Dopo una lunga assenza, la Pandina è pronta a tornare sulle strade con un restyling che ne mantiene intatto lo spirito originario, aggiornandolo alle tecnologie moderne. 

Una storia di successo lunga 40 anni: Fiat Pandina

La Fiat Pandina fa il suo debutto nel 1980, quando viene presentata come erede della celebre Fiat 127. Fin da subito, la piccola utilitaria conquista il pubblico grazie alle sue forme tondeggianti e al design semplice ma accattivante. La praticità e i costi contenuti ne fanno ben presto l’auto ideale per la città, capace di destreggiarsi agilmente nel traffico urbano.

Nel corso degli anni la Pandina si evolve, mantenendo sempre la propria identità. Nel 1990 arriva la seconda serie, con linee più moderne, mentre nel 2003 viene presentata la terza generazione, la prima con trazione anteriore. Nonostante i cambiamenti, gli italiani continuano ad amare visceralmente la loro Pandina, complice la praticità e l’estetica intramontabile.

Il restyling 2024: tecnologia e stile inconfondibile di Fiat Pandina

A distanza di oltre 40 anni dal lancio della prima serie, la Fiat ha deciso di rispolverare il mitico nome “Pandina” per il restyling 2024 della citycar Fiat Panda. L’obiettivo è mantenere intatta l’essenza di questo modello storico, aggiornandolo però con tecnologie moderne e migliorandone comfort e sicurezza.

La nuova Pandina è stata presentata in anteprima mondiale presso lo stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco. Fin dal primo sguardo, è chiara la volontà di richiamare il family feeling con le serie storiche: ritroviamo le forme tondeggianti, il frontale simpatico e rassicurante, le modanature con la scritta “Pandina”. 

“Gli interni sono stati completamente ridisegnati, con una plancia moderna dove spicca il grande logo Pandina. I sedili sono stati rifiniti con cuciture gialle, richiamo cromatico ripreso anche nelle modanature esterne e in altri dettagli.”

Staff Autolife24

Tecnologia di ultima generazione per la sicurezza

Pur mantenendo il suo spirito giocoso e pratico, la nuova Pandina fa un deciso passo in avanti in termini di tecnologia, grazie all’introduzione dei più avanzati sistemi di assistenza alla guida ADAS.

Di serie troviamo il sistema di frenata automatica d’emergenza, che interviene in caso di potenziale tamponamento. Non mancano poi il mantenimento attivo della corsia, il rilevatore di stanchezza del guidatore e il riconoscimento della segnaletica stradale.

Tutte queste tecnologie rendono la guida più sicura e rilassata, riducendo il rischio di incidenti. La nuova Pandina vuole essere la citycar ideale per destreggiarsi nel traffico urbano, coniugando il piacere di guida tipico del marchio Fiat con i più moderni sistemi di sicurezza attiva.

Stile intramontabile: il ritorno del giallo Positano 

Gli esterni della Pandina 2024 riprendono i tratti distintivi del modello originale, reinterpretandoli però in chiave moderna. Spiccano in particolare alcuni dettagli di design che richiamano il mondo dei panda, come il muso stilizzato sul coprimozzo e le modanature laterali.

Le tinte disponibili strizzano l’occhio alla tradizione Fiat: il bianco gelato, il nero cinema, il rosso passione. Ma la vera novità è il giallo Positano, nuova colorazione di grande impatto che rende omaggio ai vivaci colori che hanno sempre contraddistinto la citycar italiana. 

Gli interni riflettono la stessa ricerca di modernità nella continuità: il volante e la plancia sono stati ridisegnati con linee più attuali e materiali soft-touch, ma riprendono il family feeling classico della Pandina.

Produzione italiana fino al 2027

La nuova Fiat Pandina verrà prodotta presso lo storico stabilimento di Pomigliano d’Arco almeno fino al 2027. La fabbrica campana è stata oggetto di importanti investimenti per ammodernare la linea produttiva ed aumentarne la capacità.

L’obiettivo è quello di incrementare del 20% la produzione della Pandina, per soddisfare la domanda del mercato italiano ed estero. La piccola citycar continuerà quindi ad essere un’icona dell’automobilismo made in Italy.

La scelta di mantenere la produzione in Italia rappresenta una scommessa importante da parte di Fiat, volta a preservare e valorizzare il know-how nazionale nella progettazione e costruzione di vetture destinate alla mobilità urbana.

Prezzo: attesa per i 17 mila euro 

Il prezzo della nuova Fiat Pandina 2024 non è stato ancora ufficializzato, ma secondo le prime indiscrezioni dovrebbe attestarsi intorno ai 17 mila euro per l’allestimento base. Un aumento di 3-4 mila euro circa rispetto alla Panda attuale, giustificato dall’introduzione dei nuovi sistemi ADAS e dal generale miglioramento di equipaggiamenti e finiture.

La nuova Pandina punta ad inserirsi nel segmento delle citycar premium, offrendo maggiore tecnologia e sicurezza senza però stravolgere la filosofia del modello. L’aumento di prezzo sarà probabilmente assorbito senza troppi contraccolpi dal pubblico, da sempre disposto a investire qualcosa in più sulla sua utilitaria preferita.

Tra Pandina e Panda elettrica ci sarà uno scarto contenuto, nell’ordine dei 5 mila euro. Entrambe le versioni costituiranno un’offerta articolata per intercettare sia automobilisti tradizionalisti che orientati alla mobilità a zero emissioni.

Il futuro della mobilità secondo Fiat

Con il lancio della nuova Pandina, Fiat dimostra di credere nel futuro della mobilità urbana, settore in cui ha costruito la propria fortuna e reputazione. La citycar italiana si rinnova restando fedele al proprio DNA, con l’obiettivo di conquistare nuove generazioni di automobilisti.

La versione elettrica della Panda rappresenta invece lo sguardo rivolto all’innovazione, con un powertrain a zero emissioni per una mobilità eco-sostenibile. La strategia Fiat sembra chiara: evolvere gradualmente verso l’elettrificazione, senza tuttavia stravolgere i modelli più amati.

Con la mitica Pandina, declinata in chiave moderna ma senza snaturarne l’essenza, il marchio torinese punta a presidiare il segmento delle citycar evitando di rompere il legame emotivo con il grande pubblico. Un equilibrio non facile, ma indispensabile per affrontare le sfide del futuro senza rinunciare al proprio glorioso passato.

Hai già letto i nostri ultimi articoli?

Xiaomi SU7 Max tutto quello che devi sapere

La nuova Ineos Fusilier è pronta a stupire

Monopattino elettrico: la comodità di spostarsi in città con il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *